Market & Product

L'evento dell'anno

La scorsa domenica 17 luglio si è chiuso il celebre salone aerospaziale di Farnborough (alle porte di Londra), tradizionalmente il più antico al mondo. Di fatto, i giorni dal lunedì 11 al venerdì 15 luglio sono stati i giorni cosiddetti di trade show: ovvero quelli in cui l’evento è aperto solo ad aziende e operatori del settore perché si incontrino, negozino e firmino accordi per milioni di dollari.

GE Aviation, e insieme Avio Aero, era in prima fila con il suo chalet proprio a ridosso dell’area espositiva di Lokheed Martin e Pratt & Whitney dove erano parcheggiati in formazione gli F16, l’F18 (equipaggiati con motori GE) e il nuovissimo Joint Strike Fighter, con motori PW F135, che per la prima volta ha volato ad un airshow. La giornata inaugurale di lunedì infatti ha visto questa prima esibizione in volo a un Airshow del caccia super-moderno, affiancato dalle Red Arrows inglesi, e ammirato dai personaggi illustri presenti come l’ex premier David Cameron e il proprietario di Virgin Atlantic, Richard Branson. 

Numeri ancora una volta impressionanti per la rassegna annuale del settore: ordini per oltre 120 miliardi di dollari registrati durante l’airshow, di questi circa 22 miliardi per quanto riguarda i motori aeronautici. 

Il Pavilion di GE è stato affollatissimo, specie durante i primi due giorni: conferenze stampa e meeting tenutisi tra l’area dining al piano superiore (dove dalla terrazza esterna si potevano ammirare i velivoli in mostra statica e le esibizioni in volo, ogni giorno dalle 13 alle 16 circa) e all’interno delle executive conference room al piano terra.

Avio Aero ha ricevuto diversi ospiti del settore a livello nazionale e internazionale, e altri personaggi del panorama istituzionale, per menzionarne solo alcuni: i rappresentanti delle industrie Sud Coreane, IOSE e Hanwa Techwin, con i quali Riccardo Procacci ha siglato un MOU (Memorandum of understanding) che pone le basi per instaurare una futura collaborazione per le accessory mounted gearbox del programma coreano KF-X. E ancora la delegazione dell’Aeronautica Militare Italiana, capeggiata dal Capo di Stato maggiore Gen. Vecciarelli, l’Assessore alle Attività Produttive della Regione Campania Amedeo Lepore e il presidente del Cira (centro Italiano Ricerche Aerospaziali) Luigi Carrino, oltre a partecipare a panel di rilievo, come ad esempio “Invest in Apulia” promosso dalla Regione Puglia e finalizzato a promuovere settore e filiera produttiva presente nella regione italiana.

Sono stati giorni dunque di grande fermento e iper-attività che come al solito ci hanno permesso di presentare i nostri prodotti come parte integrante della famiglia GE, fiore all’occhiello tecnologico per alcune specifiche tecnologie, ma anche di ritrovare e rincontrare clienti e partner in maniera indipendente. Gli stessi che da anni contano sulle nostre capacità e competenze per i programmi motoristici del futuro.

VOTE THIS ARTICLE